Altri autori

 

Ajahn Mun
Un cuore liberato

Phra Ajahn Mun Bhūridatta Thera nacque nel 1870 a Baan Kham Bong, un villaggio di contadini nella provincia di Ubon Ratchathani, nel nord-est della Thailandia. Ordinato monaco buddhista nel 1893, trascorse il resto della sua vita peregrinando attraverso la Thailandia, la Birmania e il Laos, alloggiando per lo più nella foresta e impegnato nella pratica della meditazione. Leggi tutto

   

 

Ajahn Maha Boowa
Fino all’ultimo respiro

Questo nostro cuore somiglia molto a un bambino. I bambini non sono in grado di prendersi cura di se stessi e devono per questo dipendere dalla madre e dal padre, su tutori e balie, devono fare affidamento su varie persone. Leggi tutto

   

 

Nyanaponika Thera
I cinque impedimenti

L’incrollabile liberazione della mente è la più alta meta della dottrina buddhista. Qui liberazione significa liberazione della mente da tutti i limiti, da tutte le catene e da tutti i legami che la serrano alla Ruota della Sofferenza, al Ciclo della Rinascita.
Leggi tutto

   

 

Ajahn Preechar Jutindharo
La mia esperienza con Luang Pu Chah

Quando avevo nove anni incontrai un discepolo di Luang Pu Chah (Luang Pu è un’espressione di affetto e rispetto traducibile come Venerabile Nonno), era un monaco del Wat Nong Pah Pong che era passato da casa mia durante la questua e stava per fondare un monastero affiliato nelle vicinanzeLeggi tutto

   

 

Ajahn Kalyano
Samādhi – la concentrazione

Nei testi canonici in pāli, quando si parla di concentrazione si parla di jhāna, di solito tradotto come “assorbimenti mentali”, ma nella tradizione del Theravāda della foresta si approccia il tema in modo differente. Leggi tutto

   

 

Ajahn Chandako
Il Loto lungo la Strada

Protetti tra balle di fieno accatastate e avvolti nelle stoffe marroni delle loro aspirazioni, la loro postura eretta e silenziosa a gambe incrociate rifletteva la quiete della nascita dorata del giorno. Leggi tutto

   

 

Ajahn Abhinando
Gentilezza

La Gentilezza è un nutrimento per tutti noi.
Come ci sentiamo quando incontriamo la gentilezza, o ne facciamo esperienza in noi stessi? Come ci sentiamo quando percepiamo che è assente?Leggi tutto

   

 

Venerabile Pramote Pamojjo
Vedere la verità

Un benvenuto a tutti. È bello vedere una nuova generazione di persone interessate al Dhamma, gli insegnamenti del Buddha sulla vera natura delle cose. Trovo che i giovani e le persone inesperte siano tra i migliori studenti del Dhamma. Leggi tutto

 
   

 

Ajahn Kevali
Il canto come pratica

L’esercizio spirituale di cantare insieme, come spesso facciamo, ha molti aspetti positivi: si coltiva la consapevolezza, si rafforza la concentrazione, si sviluppa la saggezza, ci si apre alla gentilezza amorevole e si è anche semplicemente presenti con un senso di atemporalità. Leggi tutto

   

 

Venerabile Pabhakaro
A proposito dell’umiltà

Man mano che avremo analizzato gli insegnamenti, potremo comprendere l’importanza della responsabilità personale: l’importanza cioè di assumerci la responsabilità di ciò che facciamo, diciamo e pensiamo. Leggi tutto

 
   

 

 

Menu