Testi sacri

 

Nel Buddhismo originario ci sono delle raccolte che costituiscono il cosiddetto “Tipitaka” o Canone in Pali.

Il Canone si articola in tre “canestri”: uno contiene la disciplina monastica, il Vinaya Pitaka; un altro i Discorsi del Buddha, il Sutta Pitaka; e uno l’aspetto filosofico-psicologico, l’Abhidhamma.

Per far capire la voluminosità del Canone, si pensi che approssimativamente si può dire che sia composto dall’equivalente di 30 Bibbie.

L’insegnamento inizialmente fu tramandato oralmente, si incomincio a trascriverlo solo alcuni secoli dopo, nel primo secolo a.C. La lingua originaria, nella tradizione del Theravada, è il Pali, un’antica lingua indiana.