Canti di metta

Per incominciare e/o concludere la pratica formale si suggerisce spesso di rivolgere il cuore alla benevolenza. Il canto di metta può così essere un abile mezzo per la preparazione al raccoglimento interiore e la sua continuazione alla fine della seduta.

(Per approfondimenti sulla pratica di benevolenza consigliamo questi file audio e un articolo di Ajahn Tiradhammo)

consigli per la visione

 

Versione in pali-italiano (scarica il testo)


 

Versione in pali-inglese-italiano (scarica il testo)

 

Chi volesse offrire per il sito una sua sequenza di immagini può farlo, chiedendoci il file audio al nostro indirizzo email saddhamail@gmail.com 

Le fotografie del monastero di Santacittarama sono  gentilmente offerte da Sudhammo (Osvaldo).